Cultura Eventi

CONCORSO NAZIONALE MUSICALE “UMBERTO GIORDANO”XI EDIZIONE

CONCORSO NAZIONALE MUSICALE “UMBERTO GIORDANO”XI EDIZIONE

FOGGIA – Sono oltre cento i giovani artisti che accederanno alla fase di preselezione del Talent Voice dell’undicesima edizione del Concorso nazionale musicale “Umberto Giordano”.
Arriveranno a Foggia da tutta Italia e non solo, perché c’è anche una concorrente del Galles tra gli aspiranti alla finale che si svolgerà il prossimo 9 maggio al Teatro Giordano.
L’obiettivo sarà convincere del proprio talento Elio, presidente di giuria, il noto dj e produttore Federico l’Olandese Volante (conduttore di Radionorba e membro della Giuria di Qualità di Sanremo 2016), il musicista e compositore Roberto Molinelli (presidente per tre anni di seguito della giuria di Sanremo-Lab), nonché i giornalisti e gli altri esperti che completano la commissione esaminatrice.
Ma prima dovranno superare le selezioni che si svolgeranno il 16 e il 17 aprile, all’Auditorium Santa Chiara, esibendosi dal vivo davanti ad una giuria composta da musicisti e cantanti, tra cui il crooner foggiano Ottavio De Stefano, giunto secondo ad “Amici” nel 2012 e ormai con una carriera avviata, e i fondatori del Premio Lunezia (Loredana D’Anghera e Stefano De Martino).
Dopo aver inviato le iscrizioni, adesso i cantanti potranno presentarsi con brani, anche inediti, in lingua italiana o straniera.
Un numero limitato di loro potrà accedere alla finale e sperare di conquistare uno dei riconoscimenti in palio quest’anno: il Premio della Critica, il Premio 10 e lode alla migliore interpretazione istituito dall’avvocato Fabio Verile e il Premio “Promuovi la tua musica”, che sarà consegnato sul palco dalla cantautrice Fanya Di Croce, che darà a uno dei concorrenti la possibilità di partecipare gratuitamente ad una delle tappe del tour nazionale di “Promuovi la tua musica”, contest da lei stessa ideato.
Tutti i vincitori, infine, incideranno un brano in italiano scelto dalla direzione artistica che farà parte del secondo cd ufficiale del Concorso.
“Siamo particolarmente soddisfatti sia dei numeri (avremo cantanti da diverse regioni, tra cui, Basilicata, Lazio, Lombardia, Marche, Piemonte e Sicilia) che soprattutto della preparazione tecnica dei talenti che parteciperanno a questa edizione, che già possiamo annunciare sarà qualitativamente molto più elevata rispetto alle precedenti”, dichiarano il direttore artistico del Concorso, Lorenzo Ciuffreda, e il presidente Gianni Cuciniello.
Dopo le selezioni del Talent Voice, che è solo una delle cinque sezioni in cui si articola il contest, si attende il 6 maggio per l’avvio ufficiale della manifestazione che si chiuderà il giorno 10.
Gli altri concorrenti (circa 1.400) gareggeranno nelle sezioni Solisti (pianoforte, chitarra, strumenti ad arco, strumenti a fiato, strumenti a percussione, batteria, arpa, fisarmonica, canto lirico e chitarra elettrica), Musica d’insieme (gruppi strumentali da 2 a 15 elementi), Orchestra (ensemble con minimo 20 elementi a organico differenziato) e Coro (minimo 15 elementi per gruppi corali costituiti in qualsiasi ordine).
Tra gli altri ospiti prestigiosi presenti ci saranno: Christian Meyer, che presiederà la giuria della sezione “solisti–drums” (8 maggio), il pianista Roberto Corlianò e il direttore d’orchestra Francesco Lentini, che saranno nella commissione di musica classica.
Per la sezione “solisti” è previsto il “Premio Giuseppe Caputo” alla migliore interpretazione strumentale, mentre per la “batteria” e le “percussioni” ai migliori classificati verrà consegnato il “Premio G. Clementino Santangelo” con due borse di studio di 200 euro ciascuna.
Diverso anche il calendario delle cerimonie di premiazione in programma l’8 maggio per la sezione “drums”, il 9 per il Talent Voice, il 10 maggio per tutte le altre sezioni, ancora al Teatro Giordano.
Il Concorso è organizzato dall’Associazione musicale “Suoni del Sud” in collaborazione con il Comune di Foggia – Assessorato alla Cultura, il Teatro Pubblico Pugliese, la Fondazione Apulia Felix e la Fondazione Musicalia della Fondazione Monti uniti di Foggia.

Comments

comments