Comunicati Politica

Paolo Dell’Erba alla Camera una candidatura al servizio del territorio

Paolo Dell’Erba alla Camera una candidatura al servizio del territorio
Una candidatura al servizio del territorio per portare sui tavoli del Governo le istanze della
popolazione, in primis la necessità di maggiori investimenti. Queste sono le priorità di
Paolo Dell’Erba, candidato nella lista “Noi con l’Italia” nel Collegio Puglia 4 alle elezioni del
prossimo 4 marzo.
“Da imprenditore prima e da amministratore poi – spiega Paolo Dell’Erba –, conosco bene
il territorio, le sue difficoltà ma anche le peculiarità, i suoi punti di forza e la caparbietà
dell’imprenditoria locale. É necessario che ora sia il Governo a investire sul territorio
realizzando le infrastrutture necessarie per creare sviluppo e occupazione”.
Secondo il noto imprenditore che da oltre 20 anni opera nel settore lapideo, già assessore
ai Lavori Pubblici nel Comune di Apricena, con le infrastrutture necessarie la Capitanata
potrebbe competere con le migliori realtà produttive del Paese creando occupazione ed
evitando di perdere i suoi giovani talenti costretti ad emigrare verso territori che offrono
maggiori opportunità.
“Abbiamo bisogno di reti viarie e ferroviarie – prosegue Paolo Dell’Erba – per il trasporto
delle merci, per consentire alle aziende di intrattenere scambi commerciali senza dovere
fare i conti con le strade disastrate del Sub Appennino. Non vanno sottovalutati inoltre i
vantaggi derivanti dalla possibilità di infrastrutture destinate alla mobilità turistica
stagionale e Religiosa come ferrovie, percorsi ciclorurali e trekking, porti turistici e un
aeroporto in grado di rispondere alle esigenze dei professionisti quanto dei turisti.
Dobbiamo permettere al territorio di superare anche il divario delle infrastrutture
informatiche potenziando le occasioni di accesso ai servizi informatici delle aziende e dei
giovani che vogliono investire in start up innovative. Questa è una sfida che ci deve vedere
tutti impegnati per dare un nuovo volto al nostro territorio”.
Apricena, 5 Febbraio 2018

Comments

comments

Lascia un commento